Il grande dilemma dei momenti particolari di mercato

Il grande dilemma dei momenti particolari di mercato

Da ormai quanti mesi leggi che è un mercato particolare? Sei stufo vero? È sempre una scusa per giustificare le perdite o è realmente un momento difficile?

Negli ultimi mesi ne sono successe di tutti colori, a partire dalle guerriglie che ci sono state e che sono in atto ancora e probabilmente dureranno anche nei mesi successivi. Abbiamo avuto anche le elezioni americane, gli attentati e in questo momento anche le elezioni francesi. In effetti, è un periodo in cui sono state concentrate parecchie vicende politiche, ma hanno avuto o stanno avendo delle ripercussioni marcate sui mercati finanziari? Sono prevedibili e sfruttabili?

Nei periodi di grandi decisioni politiche, i social diventano il mercato delle opinioni.

Se sei un trader e segui i maggiori esponenti del mondo dei mercati finanziari, la situazione diventa ancora più critica.

Gente che dice che crolla tutto, gente che dice che non cambia assolutamente nulla, gente che parla di manipolazioni, altri invece dicono che è tutto incomprensibile in vista di qualche avvenimento…

Insomma, questi momenti di mercato sui social sono davvero molto gettonati per sparare sentenze che lasciano un po’ il tempo che trovano.

Un neofita, quando inizia ad interessarsi al trading, segue quante più persone possibili per potersi fare un’idea generale su quello che è il mondo dei mercati finanziari per poter cogliere informazioni utili per poter iniziare a guadagnare ( o anche evitare di perdere, che è ancora più importante).

Ora penserai che ti voglia spronare a non seguire nessun altro oltre a me, ma sbagli.

È bene che tu possa raccogliere più informazioni possibili da diverse persone che hanno visioni differenti e solo quando avrai il tuo mentore con una visione ai mercati e allo stile di vita più affine al tuo, potrai iniziare ad eliminare quelle mele che a parere tuo sono marce.

Nei momenti in cui ci sono vicende economiche e politiche rilevanti, ti consiglio di chiudere facebook e non ascoltare il parere di nessuno. Limitati ad osservare ed inizia a farti un idea su chi tra gli analisti fondamentali e i trader che operano seguendo solo i grafici ha ragione. 8ovviamente se non hai ancora un idea chiara su chi a parere tuo ha ragione).

In questo articolo voglio comunque darti le informazioni necessarie per capire meglio queste due categorie ed in più, a fine articolo ti darò il mio parere personale su come ci si dovrebbe comportare nei momenti “particolari” di mercato.

In base alle informazioni che ti darò, sono sicuro che avrai finalmente una grandissima base di partenza, dalla quale  potrai trarre le tue conclusioni.

Andiamo quindi a scoprire..

Chi sono gli analisti fondamentali? Come lavorano sui mercati finanziari?

Analisi fondamentale non è altro che lo studio di tutte le variabili politiche, sociali, finanziarie e macro-economiche relative a un determinato asset finanziario, le quali permettono di comprendere affondo il valore intrinseco di un determinato asset.

Questo tipo di traders, più che i grafici studiano giornali, notiziari, riviste di settore e bilanci. Lo studio sui grafici arriva solo in seconda battuta, ma il motivo di ingresso a mercato è dovuto esclusivamente a studi al di fuori dei grafici.

I loro mercati preferiti sono le azioni e opzioni, ma questo non vuol dire che non sappiano dire la loro anche su valute ed indici.

Infatti, gli analisti fondamentali amano entrare in campo nei momenti di news economiche molto forti, come ad esempio negli nfp ( buste paga del settore non agricolo) o tassi di disoccupazione o  comunque le notizie economiche molto importanti per lo sviluppo dei vari paesi.

Oltre alle news, sguazzano anche nei momenti di grosse decisioni politiche, come per esempio nel caso della Brexit o elezioni americane e  francesi.

Mentre invece per quanto riguarda opzioni e azioni, gli strumenti che vengono presi maggiormente in considerazione per fare analisi sono le pubblicazioni degli utili trimestrali.

Secondo il loro metodo operativo sono proprio questo tipo di notizie economiche che possono cambiare l’andamento del mercato nel medio-lungo periodo. Non si parla solo di giorni ma si potrebbe parlare addirittura di mesi.

E invece i traders che guardano solo i grafici  ed evitano di ascoltare telegiornali e riviste di settore come si comportano?

Questi traders sono convinti che il mercato si muova secondo delle leggi ben precise che non dipendono assolutamente da decisioni politiche. La politica è una cosa, i mercati finanziari un’altra, ma esiste un anello di congiunzione tra i due mondi ed è il motivo per cui questo tipo di traders non fanno caso a news e decisioni politiche.

L’ anello di congiunzione sono banche e grandi fondi che sfruttando questi momenti di insicurezza, vanno a fare delle “sporcate” per prendere grossi profitti a discapito dei piccoli investitori.

Il loro primo obiettivo è quindi quello di andare ad individuare quali sono gli indizi che i grafici lasciano a mercato per individuare le mosse future degli istituzionali.

Il secondo fattore su cui fanno affidamento sono le leggi naturali che secondo loro, il mercato deve seguire, quindi fanno affidamento per esempio a fibonacci, elliott, Gann o altri tipi di strumenti.

Ora che sai come queste due categorie di traders ragionano, potrai capire che nei giorni  in cui ci sono eventi eccezionali, i pareri non possono che essere assolutamente discordanti.

Ma quindi, in momenti particolari di mercato è meglio operare o no?

Non ti voglio ancora dare il mio parere personale e quindi mi limito a dirti che entrambe le categorie di traders opereranno nei momenti “particolari” di mercato, perché sono convinti delle loro analisi.

Una cosa che voglio tu faccia è quella di:

  • Focalizzarti solo una delle due tipologie di approccio ai mercati finanziari
  • Studiare a fondo il  tipo di approccio ai mercati finanziari che decidi di seguire
  • Statisticare la validità del metodo
  • Se il  metodo funziona, perché non seguirlo?

Se la tua statistica dice che anche in questi tipi di momento puoi operare senza grossi rischi, perché non dovresti operare? Ma prova a togliere questi momenti. La percentuale di successo dei trades si alza? La mia si ed è per questo motivo che preferisco non operare e mantenere alta la percentuale di successo.

Ora invece ti dirò la mia personale opinione, ma non devi assolutamente seguirla se prima non hai verificato con i tuoi stessi occhi la veridicità di quello che dico.

Il mio metodo operativo in queste situazioni si basa sull’ evitare di perdere denaro.

Ho un metodo che funziona perfettamente tutti i gironi dell’ anno e la mia equity cresce ogni giorno in maniera esponenziale. Perché dovrei andare a sporcare i miei risultati per qualche giorno in cui i mercati sono anomali?

Per far vedere al popolo di facebook che avevo ragione io? No grazie. Io vivo di trading, non di chiacchiere.

La mia strategia funziona nei momenti di bassa volatilità, nei momenti di media volatilità, nei momenti di alta volatilità, ma non nei momenti di estrema volatilità.

Anzi, volendo potrebbe rispondere bene anche nei momenti di estrema volatilità, ma devo essere consapevole che i rischi sono elevati.

Sinceramente di prendermi questi rischi non ho voglia, quindi il mio metodo operativo è quello di non cercare di prevedere nulla, spegnere il computer e farmi una passeggiata all’ aria aperta, che male non fa.

Seppure questo sia il mio metodo operativo, posso dire a favore della ricerca grafica, che il mercato in questi momenti raggiunge picchi di volatilità elevatissimi, dove se si è dalla parte sbagliata ci si fa davvero male, ma anche se si è nella parte giusta, perché da un momento all’ altro potrebbe girare ed andare contro di 100 punti in 1 minuto.

Ti ricordi le elezioni americane? Sei stato davanti al pc a controllare i mercati?

Io si e ti racconto brevemente come è andata.

Prima delle elezioni, tutti hanno fatto delle supposizioni su come sarebbe andato. Long, short, e altre mille supposizioni temporali.

Io ho ascoltato tutti i pareri di giornali, esperti, grafici ed altre mille traders. Mi ero convinto anche io del crollo di Eur/usd.

Sai come è andata a finire?

Di seguito ti metto l’ immagine di quella giornata.

Il grande dilemma dei momenti particolari di mercato

Tra le due linee tratteggiate si può notare la zona calda delle elezioni. Per la precisione sono le prime 15 ore delle elezioni.

Cosa è successo? Eccesso a livello estremo di volatilità. Niente di più.

Chi diceva long aveva ragione, fino ad una certa ora. Chi diceva short aveva ragione, da una certa ora.

L’ unico che ha avuto ragione? Io. Eccesso di volatilità. Si sta fuori dai mercati fino a che le cose non si riassestano.

Non  lo dico per menarmela ovviamente, ma volevo dare semplicemente la prova di quel che dico.

Poi, sul fatto che questi movimenti fossero sfruttabili, non ci piove, anche perché qualcuno ha fatto davvero tanti soldi, ma io ho preferito non rischiare.

Con questo articolo dovevo darti due categorie di traders, ma alla fine è uscita fuori anche la mia, che è una categoria del “non lasciare che qualche giorno di mercati pazzi ti faccia perdere i profitti di un anno intero”.

Spero di averti dato abbastanza informazioni sulle quale poter riflettere, perché tra pochissimo ci saranno le elezioni francesi e dovrai fare una scelta operativa.

Io spengo il pc, ci risentiamo dopo le elezioni.

PS: Se non ne facessi ancora parte clicca qui ed iscriviti gratuitamente al gruppo di Fox Forex, dal quale potrai cogliere informazioni interessanti ogni giorno.

PPS: Per ogni informazione aggiuntiva contattami qui ed io o una persona del mio team saremo lieti di risponderti.

The following two tabs change content below.

Alessandro Del Saggio

Trader Indipendente, Formatore e Ricercatore grafico. Fondatore di Foxforex, del Sistema Manhattan e della Community Opzioni Binarie Italia.

Commenta con Facebook!

Commenta con Facebook!

Rispondi