Prendere i massimi e minimi di giornata senza farsi scappare un pip

Prendere i massimi e minimi di giornata senza farsi scappare un pip

Una delle caratteristiche delle opzioni binarie è che bisogna tenere conto del fattore tempo.

Bisogna saper dare un tempo preciso per far si che il prezzo sia sopra o sotto il nostro livello di riferimento. Per tantissimi trader, individuare sia la direzione che il timing è un grandissimo problema ed infatti sono davvero un’infinità i trader che criticano le opzioni binarie perché reputano questo strumento come giocare alla roulette.

Ora, la realtà dei fatti è che non è altro che una caratteristica di questo strumento e se sfruttata bene, può essere addirittura un grandissimo vantaggio.

I trader sono abituati a fare delle previsioni di medio lungo periodo perché sa non hanno le capacità di individuare l’estensione massima del mercato e quindi si lasciano un margine di pip e di tempo molto elevato per far si che prima o poi il mercato vada a prendere la direzione prevista. Non Critico assolutamente questa metodologia di trading perché se porta ottimi risultati per la maggior parte dei trader che fanno questo tipo di operatività (in maniera professionale ovviamente), non ho motivo di criticarla, ma  sicuramente è una metodologia che non può portare a profitti nel mondo delle opzioni binarie semplicemente perché bisogna calcolare il fattore tempo in maniera precisa , con scadenze mediamente brevi, tipo intraday (di massimo qualche ora) o addirittura da scalper.

È proprio di questa figura che vorrei parlarti in questo articolo, perché spesso i miei corsisti definiscono le operazioni prese al micropip “le cecchinate” e c’è un motivo se riescono a fare questo tipo di operazioni.

Negli anni ho studiato tantissime visioni di mercato ed ho cercato di prendere il meglio e trasferirla in un’unica visione che permettesse di individuare i lunghi ritracciamenti o inversioni senza neanche lasciarsi scappare un pip.

Come ce l’ho fatta?

Semplice, grazie alla mentalità e alla visione degli scalper.

Sia chiaro, la mia metodologia non è totalmente da scalping, ma ho preso solo alcune delle caratteristiche e le ho adattate al mio stile di trading. (uno stile molto più rilassato).

Ho capito che con le opzioni binarie, per essere profittevoli nel lungo periodo, bisogna avere anche delle ottime caratteristiche di uno scalper, ma ricordandosi della tendenza del mercato (importante quindi fare una previsione giornaliera e settimanale) e limitandosi ad eseguire solo poche operazioni al giorno.

Io mi accontento molto spesso di 2 sole operazioni.

Diamo quindi una definizione di scalper

Lo scalper è il vero speculatore di borsa che entra ed esce in continuazione, accontentandosi di piccolissimi margini di guadagno ma ripetuti. L’obiettivo di queste operazioni è, dunque, un veloce ma contenuto guadagno unitario, che, riferito alle tante operazioni giornaliere, danno una percentuale di guadagno giornaliera accettabile. L’ attività dello scalper è frenetica, in genere egli segue pochi titoli in modo da poter decidere meglio i momenti di entrata e di uscita.

Chi fa scalping è alla ricerca di un profitto veloce, mentre il trader intraday ha un’ operatività leggermente più “analitica”.

Ecco, seguendo questa ideologia è ovvio che si vanno ad eliminare molti aspetti del trading classico, come ad esempio la visione del mercato di medio periodo, limitandosi a controllare solo gli attimi prima e spesso aiutandosi attraverso il Book che fornisce indicazioni sui contratti che si muovono sul mercato in maniera istantanea (te lo consiglio perché inizi a capire il motivo di alcuni movimenti di mercato).

Grazie a questa metodologia si riescono ad individuare quei punti dove il mercato non ha più il tempo per continuare il trend, ma deve assolutamente ritracciare entro tempi estremamente brevi.

Ovviamente ho studiato tutte le caratteristiche degli scalper, con lo scopo di capire gli svantaggi di questo tipo di operatività e come evitarli utilizzando le opzioni binarie.

Ecco a te alcune delle maggiori caratteristiche dello scalping.

Piccola precisazione: il 99% degli scalper utilizzano strumenti come i cfd o i futures, quindi parlerò anche di stop loss, take profit e pips.

1) Ottimizza le entrate

lo scalper cerca di ottimizzare il più possibile l’entrata perché lo stop è sempre molto stretto. A causa della sua operatività, sono pochissimi i Punti di stop e profit che uno scalper si permette e quindi il suo scopo è quello di individuare il movimento di massima estensione del breve trend in essere per poi andare contro al micro trend del mercato e mangiare al mercato qualche punto.

2) Trend di mercato

Gli scalare solitamente non controllano il trend del mercato perché non gli da indicazioni utili nel brevissimo periodo, o meglio, vanno a controllare i piccoli trend del mercato su timeframe a 1/5m, ma questi non possono essere definiti veri e propri trend.

Piuttosto, un indicazioni utile è individuazione dell’ escursione massima che un determinato mercato fa senza mai ritracciare.

3) Occhio alle news

Uno scalper sta lontano dalle news di mercato perché potrebbero influenzare negativamente il proprio guadagno mensile semplicemente a causa dell’alta volatilità che si scatena sia nei momenti precedenti che quelli successivi alla fuoriuscita della News.

4) Considera le aperture e chiusure dei mercati

Uno scalper deve assolutamente prendere in considerazione gli orari di apertura e chiusura dei mercati perché in questi momenti entrano sul mercato moltissimi volumi che causano un piccolo scompiglio del mercato per i primi 30 minuti di contrattazione.

Alcuni scalper sfruttano questo momento, mentre altri ne stanno alla larga, ma nessuno evita di prenderlo in considerazione.

Queste quattro caratteristiche mi hanno fatto capire che forse dovevo imparare qualcosina di più dagli scalper e soprattutto dovevo capire quali erano i loro fattori negativi se avessi utilizzato questa metodologia nuda e cruda sui mercati finanziari.

In realtà molti fattori negativi si possono evitare semplicemente utilizzando come strumento le opzioni binarie anziché i cfd ed ora ti spiego il perché.

Come sai, con i cfd si guadagna e si perde in base ai pips di movimento del mercato e quindi se un mercato va contro alla previsione di 10 pip, sarà una perdita economica di gran lunga differente in confronto ad un solo pip in direzione contraria. Coloro che fanno scalping, devono essere sempre estremamente pronti a chiudere la posizione appena il mercato si muove sia contro che a favore perché come abbiamo detto prima gli scalper prendono solo piccoli profitti dal mercato in maniera ripetitiva, facendo tantissime operazioni durante l’arco della giornata per poter portare a casa un minimo di gain.

Per le opzioni binarie invece a questo problema non si pone perché bastano davvero due operazioni fatte bene che si fa giornata.

Inoltre l’emotività potrebbe far perdere tantissimo denaro in un solo colpo, trasformando una piccola perdita in un errore irreparabile. Se nella tua vita hai mai lavorato al fianco di una persona che fa scalping, ti sarai accorto che capitano i momenti in cui il trader inizia ad andare in panico, non riuscendo più a gestire il mercato e anziché chiudere la posizione in leggera perdita si immobilizza e lascia correre le perdite fino a farle diventare enormi.

Questo è un problema che alcuni scalper, soprattutto all’inizio della loro carriera non riescono a fronteggiare ed è proprio questo il motivo per cui perdono moltissimo capitale in poco tempo. Con le opzioni binarie invece, sai già quanto vincerai e quanto perderai e questo è estremamente importante perché se il mercato va contro la nostra previsione sappiamo già quanto perderemo e questo valore non è variabile fortunatamente.

Ora, prendendo spunto dalla visione degli scalper, sono riuscito ad inserire alcuni tips operativi che permettono ai corsisti di fare “le cecchinate”.

Ovviamente, con dei piccoli tips operativi si riesce a rendere precisa l’ entrata sia a livello di pips che di timing, ma il segnale viene fornito da un analisi di medio periodo.

Il corso avanzato non insegna quindi a diventare degli scalper professionisti, ma insegna la corretta visone di mercato e va ad ottimizzare l’ entrata fino al midollo per poter fare le operazioni senza alcuna ansia.

Se vuoi avere maggiori informazioni riguardo al corso avanzato, clicca qui!

The following two tabs change content below.

Alessandro Del Saggio

Trader Indipendente, Formatore e Ricercatore grafico. Fondatore di Foxforex, del Sistema Manhattan e della Community Opzioni Binarie Italia.

Commenta con Facebook!

Commenta con Facebook!

Rispondi